“Valentina” l’esordio di Camilla

Mercoledì 31 marzo è uscito Valentina il video del singolo d’esordio di Camilla. Camilla Conte in arte Camilla, nata in provincia di Milano e classe 99, è una giovane attratta dal mondo dell’arte, si appassiona alla danza, al disegno, e al canto, attualmente è iscritta al corso di arti spettacolo ed eventi culturali dell’Università IULM di Milano. La voce soul di Camilla, sonorità urban e reggae ed una scrittura coinvolgente, danno vita al brano “Valentina, scritto interamente da Camilla Conte, e prodotto da Sveno Fagotto, presso Mob Sound.
Per il videoclip di “Valentina” la regia è di Stefano Longo. Abbiamo fatto due chiacchiere con Camilla, per conoscerla un po meglio, ecco cosa ci ha detto.

Ciao Camilla, la prima cosa che ti chiedo è, come stai?

Ciao, tutto bene grazie! Sono molto felice per aver raggiunto questo traguardo al momento, l’uscita del mio primo singolo! Ma sono consapevole che è solo l’inizio e che la strada è ancora lunga.

Sei una giovanissima artista, appassionata di disegno, ballo e canto,
raccontaci un po’ del tuo percorso artistico

Sono sempre stata appassionata di arte, sin da quando ero piccola: tempo fa ero più di attirata dal disegno e alla danza, poi ho scoperto la musica ed è stato amore a prima vista. In realtà ho sempre cantato a squarciagola nei viaggi in macchina, quindi era qualcosa che avevo già dentro da prima, ma ad un certo punto ho capito che avrei voluto farne una professione e mi ci sono dedicata completamente.

Hai un idolo nel panorama musicale? Qualcuno a cui ti ispiri?

Il mio idolo assoluto è Amy Winehouse, e credo che tutti dovrebbero almeno una volta ascoltarla per apprezzare quello che ha fatto e che ci ha lasciato. Come artisti italiani, invece, ammiro moltissimo Nina Zilli: ha una voce e uno stile favolosi!

Il 27 Marzo è uscito il tuo singolo “Valentina” è una canzone che parla di te? Raccontaci il tuo brano e che sonorità troveremo.

“Valentina” è ambientata a Milano, dove vivo, e parla di me e dell’appuntamento con una ragazza. A livello musicale ha delle sonorità reggae e soul, amo questa unione perché è dove più mi sento a mio agio ed è ciò che mi permette di esprimermi al meglio.

Oltre al singolo c’è in programma anche un album o un EP?

Oltre a questo singolo ho sicuramente in programma altre canzoni che per il momento usciranno come singoli, poi magari più avanti potranno essere raccolti in un EP o addirittura ad un album, ma questo si vedrà. Dipende da tante cose, e al momento voglio fare le cose passo per passo. 

Che cosa ne pensi dei Talent Show? E hai mai pensato di parteciparvi?

Penso che i talent show siano un grande trampolino di lancio, ma possono essere un’arma a doppio taglio quindi chiaramente bisogna sapere come veicolare ed utilizzare al meglio la grande visibilità che danno. Se ci parteciperei? Sì, sarebbe un bel modo per mettermi alla prova e dimostrare qualcosa.

Lasceresti l’Italia per vivere un’esperienza musicale all’estero?

Magari sì, lascerei l’Italia, però tornerei subito! La musica italiana è magica, ci sono profondamente legata e credo che Milano sia proprio il mio posto: poi chissà, magari un giorno cambierò opinione, mai dire mai!

Qual è la canzone di un altro artista, che avresti voluto scrivere tu?

Ascolto tantissimi brani e generi diversi e inevitabilmente ci sono un sacco di canzoni che avrei voluto scrivere io! Però le canzoni degli altri mi danno ispirazione, mi spronano a fare sempre qualcosa di più e raggiungere vette sempre più alte!

Con chi vorresti fare un duetto? E perché?

Questa domanda è complicata, perché mi piacerebbe fare un duetto con tantissimi artisti! Però, se dovessi scegliere, ti direi Nina Zilli, che come spiegavo prima è una delle mie artiste preferite in assoluto, Madame e Ariete, perché anche se non si avvicina molto al mio stile adoro il suo modo di scrivere, soprattutto per la sua giovane età.

Il tuo strumento musicale preferito?

Il mio strumento musicale preferito è il basso, perché è uno strumento che riesce a dare corpo alle canzoni e può creare un groove pazzesco!

Il libro sul tuo comodino?

Al momento il mio libro sul comodino è “Il segreto”: so che potrebbe essere una lettura un po’ particolare, se vogliamo, ma da anni credo molto nella legge dell’attrazione e il fatto che si stia iniziando a diffondere mi fa molto piacere, quindi cerco di approfondirla sempre. Oltre a quello, rileggerei di continuo “Orgoglio e pregiudizio” un grande classico che però ogni volta riesce a tenermi incollata!!

Cosa consigli ai giovani come te che vorrebbero intraprendere la carriera musicale?

Il mio consiglio per i giovani che vogliono fare musica è prima di tutto farsi un esame di coscienza e capire se è quello che vogliono fare davvero: se la risposta è sì, allora di darsi da fare perché è un mondo bellissimo e duro allo stesso tempo! Faccio un po’ la saggia, ma in realtà sono anche io alle prime armi, quindi è un incoraggiamento e un consiglio che voglio dare anche a me stessa.

Ciao Camilla grazie di essere stata con noi e speriamo di rivederti presto.

Grazie a voi di avermi fatto queste domande! A presto!

a cura di
Enrico Ballestrazzi

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – “Fotografia” è il singolo d’esordio di Davide Malafede
LEGGI ANCHE – Nùma e il suo nuovo singolo: “Take Away”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.