Coez & Frah Quintale – Unipol Arena – 13 gennaio 2024

Si è svolta il 13 gennaio la tanto attesa data all’Unipol Arena del tour del nuovo album “Lovebars” di Coez e Frah Quintale, i due artisti uniti anche nello spettacolo dal vivo.

Coez e Frah Quintale, questo duo che nel 2023 ha deciso di convogliare le proprie energie unificandole in un progetto più saldo come “Lovebars“, dopo alcune collaborazioni negli anni di carriera. Un album con un finale già scritto, soprattutto se si uniscono due dei “ritornellari” più forti in Italia. L’unico dubbio poteva essere se “Lovebars” funzionasse anche dal vivo e la risposta è affermativa.

Il punto principale era infatti che Coez, con un’esperienza più longeva e avendo già calcato palchi importanti, potesse oscurare, inghiottire il suo compagno d’avventure Frah Quintale. In realtà, il secondo si è difeso benissimo e, addirittura, è parso che le sue canzoni abbiano riscosso più successo talvolta. Infatti, i due artisti non si sono limitati a portare solo il nuovo album congiunto dalla sola durata di trentacinque minuti, come specificato dagli stessi , esibendosi per il pubblico in propri mini concerti nel contenitore di uno spettacolo più grande.

“Lovebars” racchiude tanti significati, anche quelle che possono sembrare canzoni d’amore hanno in realtà uno sfondo più profondo. Non fermatevi sulla superficie, andate in fondo, alla fonte per capire e apprezzare davvero il percorso delle cose.

A questo proposito, è stato molto interessante avere sia i due che si spalleggiavano sui rispettivi pezzi, magari con doppie o fornendo supporto all’altro, e contemporaneamente uno spazio per il singolo con due mashup delle canzoni più iconiche di ogni artista; esaltando così sia l’unione delle forze tra Coez e Frah Quintale, ma regalando comunque del tempo per risplendere sul palco a entrambi.

Dalle canzoni portate dal vivo, si può affermare benissimo che i due qualche hit moderna l’abbiano creata, con un pubblico scatenato più su queste canzoni rispetto a quelle del nuovo album, eccezion fatta per “Lovebars”, “Terra Bruciata”, “Che colpa ne ho” e “Alta Marea”. In realtà, la coppia si è rivelato vincente perché, se uno spettacolo di Coez risulta molto statico, l’apporto più movimentato di Frah Quintale rende i due esattamente complementari in termini di esibizione dal vivo.

Piccola nota margine positiva: è molto interessante suddividere il led wall in dieci “finestrelle” per poter trasmettere sia le riprese live del palco e avere, allo stesso tempo, qualche grafica. Solitamente non è possibile perché si conformate in un’unica sezione. Menzione d’onore anche alla strumentazione: i due sono i primi in Italia a investire sull’impianto L-ISA per garantire un’esperienza migliore in termini di suono.

La scaletta del concerto
  • Lovebars
  • Terra bruciata
  • Faccio Un casino
  • Cratere
  • Fari lontani
  • Che colpa ne ho
  • Una luce alle 03:00
  • Missili
  • Come nelle canzoni
  • Se esiste un Dio
  • Vetri fumé
  • Mash up Coez (Le luci Della città, E yo mamma, Niente che non va, Wu-Tang, Occhiali Scuri)
  • La tua canzone
  • Mash up Frah Quintale (Sempre bene, Lambada, 64 Bars, Colpa del vino, Gli occhi, Due ali)
  • Nei treni la notte
  • Era già scritto
  • Local Heroes
  • DM
  • Aspettative
  • È sempre bello
  • 8 Miliardi di Persone
  • La musica non c’è
  • Sì ah
  • Alta marea

a cura di
Luca Montanari

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – SanaNasciari presentano il nuovo singolo “Timido”
LEGGI ANCHE –
I Legno ci illuminano con “Luminosissimi” e il prossimo tour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *