Gloria Bennati: “Sogno che le persone mi ascoltino”

“Rita è una donna che crede di sapere tutto senza conoscere davvero se stessa. Ma alla fine chi si conosce realmente?”. Sulle note pop e malinconiche del brano “Rita” la voce di Gloria Bennati intensa racconta la storia di una donna “testarda e romantica” che trova la forza più grande nelle sue scelte nonostante queste la rendano inconsapevole dei suoi sbagli.

Venerdì 17 giugno Gloria Bennati ha rilasciato “RITA”, il nuovo singolo e noi l’abbiamo intervistata. Cantautrice toscana, classe ’90, Gloria ha trascorso l’adolescenza alla ricerca visionaria di sonorità e ispirazione. Nel 2015 si aggiudica il contest di All Music Italia come miglior artista emergente e brano dell’estate con “VORTICE” featuring Marracash, arrangiato dai Planet Funk e scritto da Roberto Angelini. Nel 2019 inizia un accurato e impegnativo lavoro in studio con il Maestro Fio Zanotti – produttore, arrangiatore compositore e direttore d’orchestra che ha lavorato al fianco dei più celebri artisti sancendone, nella maggior parte dei casi, il successo – dedicandosi alla realizzazione del suo primo album, in uscita nel 2023. Ecco cosa ci ha raccontato Gloria Bennati nella nostra intervista.

Hai da poco pubblicato il nuovo singolo “Rita”, chi é Rita?

Rita è una donna che crede di sapere tutto, senza conoscere realmente se stessa. Testarda, si butta a capofitto nelle cose in cui crede.
Lotta per il bene, femminista, non ha paura di sbagliare. Spesso però non si rende conto che i problemi che sono al di fuori non sono altro che un riflesso di ciò che ha dentro.

Concentriamoci sul video del brano, totalmente in bianco e nero. Raccontaci il motivo di questa scelta e anche il processo creativo del video…

Insieme al regista, Fabrizio Cestari, abbiamo deciso di dare al video un impronta quasi mistica, immortalando immagini che rispecchiano un sogno in bianco e nero che possa rendere l’idea di un sentimento inconscio, lontano.

Hai collaborato con tantissimi artisti della scena musicale contemporanea, uno su tutti Marracash, com’è stato lavorare al suo fianco?

Sono passati degli anni, ma dal quel che ricordo Marracash è una persona gentile e forse un po’ timida. È stata una bellissima occasione per me collaborare con un artista così.

Rita anticipa un album? Stai lavorando a nuovi brani? So che nel 2023 arriverà qualcosa….

Rita, è il primo brano di tanti altri che ho scritto e a cui sto lavorando. Si, spero nel 2023 di fare uscire il mio album.

Un consiglio che porti nel cuore e che ti ha dato la spinta per continuare la tua carriera…

Il primo consiglio che nel mio piccolo posso dare è di ascoltarsi, soprattutto quando vieni proiettato nel mondo del lavoro, quello che tu vuoi, dove ti senti a tuo agio è la base per cominciare un buon progetto. Il secondo, è di avere coraggio.

Dal punto di vista musicale, cosa ti arricchisce? Dove vai a ricercare la tua identità musicale?

Sono sempre alla ricerca di nuovi stimoli musicali, ho studiato l’Opera per diverso tempo e anche se adesso faccio tutt’altro mi ha arricchito in un
modo straordinario. Mi piace molto la musica alternativa, internazionale.

Se potessi sognare in grande su quale palco ti piacerebbe portare la tua musica e perché?

Sogno persone che mi ascoltino a prescindere da dove mi trovo, in realtà non ho un palco ben preciso dove vorrei salire. Qualsiasi palco che mi dia occasione di farmi sentire va più che bene.

Sarai in tour?

Prima di progettare un tour vorrei farmi conoscere ancor di più facendo uscire le mie canzoni, magari questo inverno.

A cura di
Carola Piluso

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Gli Elettrotape ci parlano del loro nuovo singolo “Empty Pool”
LEGGI ANCHE – “Limonata”: il freschissimo singolo di Serepocaiontas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.