Eugenio in Via Di Gioia – BOtanique, Bologna – 05 luglio 2022

Gli Eugenio In Via Di Gioia si sono esibiti nello spazio del BOtanique a Bologna per il tour in promozione del nuovo album “Amore e Rivoluzione”.

Il BOtanique è un festival estivo a Bologna in cui si tengono concerti in un ambiente caratteristico, rilassato e tranquillo. Il festival è infatti collocato nei giardini di Via Filippo Re che sarebbero normalmente atti alle pause dalle lezioni degli studenti universitari di Bologna ma che in estate vengono convertiti invece come sede di eventi live.

Il contesto rende i concerti particolarmente intimi, con un palco di dimensioni contenute, ma le luci e la natura attorno sanno sicuramente come arricchire l’esperienza.

Gli Eugenio chi?

Gli Eugenio In Via Di Gioia sono ormai un band navigata nel panorama “indie” italiano, ma ad ogni show sanno regalare “perle” e uno spettacolo di assoluto livello. Dopo essere state una delle prime band in Italia a ritornare a esibirsi in condizioni semi-ordinarie lo scorso novembre, Bologna è e rimane una delle tappe predilette dai ragazzi torinesi.

Il concerto è durato meno rispetto al precedente, dove è stata eseguita l’intera discografia del gruppo fino a quel momento, ma sicuramente è riuscito a trasmettere emozioni agli spettatori. Gli arrangiamenti eseguiti sembravano in qualche modo più jazzy del passato forse grazie anche ai componenti aggiunti ai fiati e all’esperienza di Emanuele Via, il tastierista, nel suo progetto “Emanuele Via & Charlie T“.

Emozionante è stato soprattutto il momento del brano “Filastrocca per grandi” in cui è intervenuto sul palco anche il coro dell’Antoniano di Bologna, originalmente incluso nel disco, e composto da bambini dai sei anni in su. Il coro, non solo ha dato prova del proprio valore come collettivo, ma certi versi sono stati fatti recitare/cantare ai singoli cavandosela egregiamente.

Dove c’è speranza, non c’è presa di coscienza, uccidiamola quindi noi

Non solo musica

La band è riconosciuta anche per le deviazioni che prende rispetto allo script del live. I ragazzi della band hanno iniziato a fare gli auguri ad un amico presente al concerto incontrato tempo addietro raccontando un aneddoto sui primi live che facevano, il tastierista ha rivisto suo zio dopo tanto tempo in mezzo al pubblico e si è iniziato a discutere sul fatto di fare hit di “mezze stagioni” e non estive. Un delirio.

La bellissima iniziativa

Oltre a spendere parole in favore all’amore incondizionato, parlando del titolo dell’album “Amore e Rivoluzione“, gli Eugeni sono ormai riconosciuti come band particolarmente impegnata per il tema dell’ambientalismo; sia tramite i propri brani, sia tramite iniziative messe in atto. L’ultima raccontata ieri ha riguardato la collaborazione con Greenpeace per una petizione contro il Greenwashing attuato da diverse multinazionali.

Per chi…

Il live degli Eugenio In Via Di Gioia saprà regalarvi lacrime, sorrisi e sproloqui della band che grazie alla loro esperienza da buskers sapranno come intrattenervi in base alle circostanze della serata. È uno spettacolo definibile: divertente. La band ha saputo inscenare uno spettacolo longevo, curato e soddisfacente con l’umiltà che contraddistingue la band.

I fuoriprogramma saranno i padroni della scena e gli Eugeni saranno sicuramente capaci di come farsi apprezzare canzone dopo canzone. L’atmosfera che si verrà a creare vi saprà solo mettere di buon umore e non vorrete mai che quel live finisca per poter restare rinchiusi in quella bolla di positività e “presa a bene” all’infinito.

La scaletta
  1. Quarta rivoluzione industriale
  2. Cerchi
  3. Libero
  4. In cima
  5. La punta dell’iceberg
  6. Prima di tutto ho inventato me stesso
  7. Filastrocca per grandi
  8. Rabbia
  9. Nuvola
  10. Giovani Illuminati
  11. Plot twist
  12. Giornalaio
  13. Umano
  14. Utopia
  15. Lettera al prossimo
  16. Non vedo l’ora di abbracciarti
  17. Provincia assassina
  18. Eurovision in Turin
  19. Chiodo fisso
  20. Altrove
  21. Terra

a cura di
Luca Montanari

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE“Non va bene”: il nuovo singolo di WISM (l’intervista)
LEGGI ANCHE“Mi basterebbe una notte” di Marāsma: la recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.