“Wind Day”: il singolo d’esordio di Checco Curci

È online da ieri il singolo distribuito da Artist First, che anticipa il disco in uscita il prossimo autunno

Wind Day rappresenta il primo, eccezionale estratto dall’album d’esordio di Checco Curci, la cui uscita è prevista per l’autunno 2022 con l’etichetta-collettivo Dischi Uappissimi, già attiva al fianco del progetto Lazzaretto.

Il debutto del cantautore pugliese di stanza a Milano vanta la supervisione artistica di Riccardo Sinigallia il quale, prima di entrare nel progetto, più volte aveva descritto il lavoro di Checco Curci come una delle novità più interessanti e originali nel panorama della canzone italiana. 

“Può sembrare una città / ma è una specie di ferita”

Wind Day
Ascolta “Wind Day” su Spotify!

Wind Day: due parole inglesi che, per ironia della sorte, segnano l’esordio di un convinto militante della canzone in lingua italiana. Il titolo in lingua inglese non è però un depistaggio, ma un preciso riferimento a Taranto e alle migliaia di morti che il suo impianto siderurgico continua a causare da oltre 50 anni. Nel linguaggio istituzionale pugliese, infatti, i “wind days” sono i giorni di allerta meteo in cui il vento intenso da nord-ovest spinge le polveri tossiche sul quartiere Tamburi e sul resto della città.

Wind Day tra cantautorato italiano e rock oltreconfine

Wind Day è il biglietto da visita di un cantautore originale e autentico, capace di pesare ogni parola come un macigno e di cesellare con arrangiamenti raffinati una forma canzone che sa essere pop e popolare senza cedere a soluzioni facili. Fra le lezioni dell’eterno Franco Battiato e il sapiente gusto nell’unire la tradizione cantautorale italiana – ora antica, ora contemporanea – alle vibrazioni più scure del rock e del pop che proviene da oltreconfine, Checco Curci sorprende e incanta con il suo universo che mischia la visceralità della terra al sogno dei corpi celesti, le paure più profonde all’incanto della scoperta e dell’emozione.

Prodotta da Giacomo Carlone al Supermoon Studio di Milano, Wind Day prende per mano l’ascoltatore e lo accompagna fra il Mar Grande e il Mar Piccolo, dove la Magna Grecia più ancestrale si mescola ai riti industriali di una fabbrica spettrale e velenosa. Una storia di innocenza, di gesti silenziosi e parole dialettali che raccontano le cicatrici, le ferite e le perdite di chi è costretto nel ricatto fra salute e lavoro.

Il videoclip di Wind Day

L’uscita del singolo è accompagnata da un videoclip realizzato dal regista pugliese Antonio Stea: un’ascesa narrativa che parte dalle sponde del fiume Tara – piccolo corso d’acqua da cui prese il nome la colonia spartana culla della Magna Grecia, Taranto – e culmina ai bordi dell’acciaieria più grande d’Europa, passando per gli occhi di una delle tante vittime innocenti del mostro che sta rubando il futuro a una delle città più antiche e belle d’Italia.

Così il regista Antonio Stea racconta il videoclip:

“Sagome animali e umane vagano al crepuscolo in spazi indefiniti.
Sembra di muoversi in un sogno prima di essere scaraventati nell’incubo del reale.
Le sfocature producono tensione e alimentano l’immaginazione.
Le sole presenze nitide e riconoscibili svelano il senso di quel vagare.
Ma il risveglio è dolceamaro, e la meta ancora lontana”.

Antonio Stea
Il videoclip di “Wind Day”
Credits

La produzione e il missaggio sono stati curati da Giacomo Carlone (Supermoon Studio, Milano) con la supervisione artistica di Riccardo Sinigallia e il mastering di Daniele Sinigallia (Gli Artigiani Studio, Roma).
Wind Day è stata scritta da Checco Curci insieme a Piero D’Aprile (Gli Amanti) e Leo Steeds che ha co-prodotto il brano.

L’album esce per l’etichetta-collettivo Dischi Uappissimi con il management di Antonio Conte e la distribuzione di ArtistFirst. Le edizioni sono affidate a Nonsense.
I disegni delle copertine del singolo e dell’album sono di Enrico Pantani.

“Wind Day” Cover
Chi è Checco Curci

Checco Curci nasce e cresce a Noci, in provincia di Bari. Si avvicina alla musica attraverso il pianoforte e il violoncello. Al liceo suona in un gruppo d’ispirazione brit pop finché non si trasferisce a Venezia per studiare architettura. Nei primi anni universitari forma un trio in cui inizia a scrivere e cantare in italiano. Nel 2005 si stabilisce a Milano per specializzarsi in urbanistica, materia che oggi insegna al Politecnico di Milano.

Nel 2009 fonda l’associazione BucoBum e per 10 anni cura la direzione artistica dell’omonimo festival che porta a Noci il meglio del cantautorato emergente italiano (Dente, Dimartino, Giovanni Truppi, Levante, Maria Antonietta, Thegiornalisti, Motta, Moltheni, Edda e tanti altri). Oltre alla canzone e all’urbanistica coltiva attivamente, da studioso e allevatore, la passione per i cavalli.
Segui Checco Curci su Facebook, su Instagram e su YouTube!

a cura di
Staff

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Gaia Gentile ci parla dell’album “Tanto tutto passa”
LEGGI ANCHE – Rastroni presenta le sue “Anime da frutto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.