Alla ricerca della voce perduta: “Portavoce” è il nuovo singolo di Urania

Le Urania tornano con un terzo singolo che, in effetti, racconta un po’ le vite di tutti, attraverso un linguaggio diretto, rotolante come nel rap ma capace di farsi “melodico” nei punti e nei momenti giusti, ammiccando quasi alla hit.

Se avete perso la voce, sentite di non riuscire più a dare fiato al vostro cuore, alle vostre ambizioni come riuscivate a fare fino a poco tempo fa, prima del grande inverno pandemico, “Portavoce” delle Urania è sicuramente lo stimolo che vi serve.

Il singolo

Portavoce” è il pungolo efficace a combattere il torpore attraverso una catarsi efficace che passa, ovviamente, dalla scrittura, dalla poesia e dalla liberazione personale. 

Si nota quanto solo un percorso introspettivo efficace possa restituire qualcosa al coraggioso che intraprende l’impresa di “scoprirsi”. 

Le Urania tornano con un terzo singolo che, in effetti, racconta un po’ le vite di tutti, attraverso un linguaggio diretto, rotolante come nel rap ma capace di farsi “melodico” nei punti e nei momenti giusti, ammiccando quasi alla hit.

Non che paia fregargliene molto, alle Urania, di tirar fuori un tormentone, anzi: la loro scrittura rimane fortemente impegnata, capace di risvegliare antiche sofferenze che ci accomunano come avevano già fatto nei precedenti singoli.

Profondità e leggerezza

É anche vero che la semplicità autorale che contraddistingue i brani del duo, unitamente alla produzione di chiaro stampo mainstream che accompagna il tutto decreta la riuscita di una canzone che impegna con profondità ma anche con leggerezza.

Una buona alchimia che restituisce all’ascoltatore il caleidoscopio espressivo. Un progetto da seguire con attenzione, anche perché pare ci sia un disco in vista.

a cura di
Redazione

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Mombao: corpo, dis-connessione e musica
LEGGI ANCHE – “Canzoni per gusto, canzoni per fame”: in viaggio con Nostromo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.