“Santamaria”: il nuovo singolo di Ultima Haine

L’urlo della periferia napoletana nel rapcore della giovane band

Santamaria” è il nuovo singolo dei Ultima Haine scritto ed arrangiato insieme ad Ale Bavo, in uscita per Prisoner Records e distribuito da The Orchard, in uscita venerdì 22 aprile. Con questo brano il giovanissimo progetto rapcore napoletano si presenta nella scena, rinfrescando un genere che, soprattutto nel capoluogo campano, ha da sempre trovato sfogo e contaminazioni.

Il titolo allude alla santa protettrice di Quarto, il paese della provincia di Napoli da cui quasi tutti i membri provengono. Il brano, infatti, parla di periferia, esclusione, marginalità e del sentirsi diversi da chi nasce e vive al centro della città. Nel brano traspare l’alienazione del vivere in un territorio che, se da un lato rappresenta le proprie radici a cui non si può che essere profondamente legati, dall’altro è una sorta di marchio che è difficile togliersi di dosso

Nel brano si fa anche riferimento alla “Napoli di YouTube” e quella delle “serie girate in posti difficili”, rimarcando i due stereotipi a cui la città sembra eternamente condannata, quella della città del sole e del mare, e quella delle pistole di Gomorra. Il gruppo in questo modo prende le distanze da entrambe, provando a smentire la solita narrazione ed a raccontare il proprio punto di vista e le difficoltà reali che deve affrontare chi vive veramente il territorio.

Biografia

Gli Ultima Haine sono un gruppo musicale della periferia di Napoli. Il nome è un tributo al film “La Haine” di Mathieu Kassovitz, ambientato nella banlieue francese. Il progetto unisce influenze musicali diverse ed il punto di incontro è un miscuglio di rock, rap, crossover ed hip-hop che ha la sua massima espressione soprattutto dal vivo. Il gruppo si esibisce dal vivo con il volto coperto per rimarcare l’idea che il messaggio espresso attraverso la propria musica sia più importante dei loro volti. Al momento hanno all’attivo la pubblicazione di tre singoli con video disponibili su YouTube.

In questi anni si sono esibiti in decine di date in giro per la Campania e non solo, condividendo il palco con artisti quali: O Zulù, Franco Ricciardi e Sick Tamburo. Nel 2019 partecipano al Meeting del Mare, esibendosi sul main stage in apertura a Franco 126 e vincono la dodicesima edizione del Nano Festival. Nell’autunno del 2019 vengono selezionati tra oltre 300 band da tutta Italia per il Reset Festival di Torino collaborando ed esibendosi dal vivo con Pierpaolo Capovilla. Arrivano inoltre in finale alla trentunesima edizione del Rock Contest di Firenze, esibendosi per l’ultima serata all’Auditorium Flog.

Al momento sono al lavoro sul loro primo album insieme al produttore Ale Bavo.

a cura di
Redazione

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Adelasia racconta il suo “Incubo perfetto”
LEGGI ANCHE – “La bellezza degli abissi”: Alaveda racconta il brano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.