“Tocca a Noi”: un concerto per l’Ucraina

Si è svolta stamattina la conferenza stampa per il concerto evento “Tocca a Noi” di martedì 5 aprile che avrà luogo in Piazza Maggiore a Bologna.

Tocca a Noi” si può dire sia nato da un semplice tweet de La Rappresentante di Lista in cui si chiedeva di organizzare un concerto per raccogliere fondi con conseguenti tag di diversi artisti. A questo tweet ha però risposto anche Matteo Lepore, sindaco di Bologna, segnalando la disponibilità della città ad accogliere questo evento.

Il tweet da cui è nato tutto.

Da un’idea astratta e lanciata online è susseguita una mobilitazione della macchina organizzativa capace di mettere in piedi un evento da 7000 posti, esauriti lo stesso giorno e con il sito inaccessibile per più di 2 ore, in relativamente pochi giorni. Tanti sono stati gli artisti che hanno risposto presenti all’appello degli amici de La Rappresentante di Lista, seppur non tutti riusciranno a partecipare, per motivi logistici o per impegni pregressi, come reso noto dagli stessi durante la conferenza stampa di stamane.

Sul palco saranno comunque presenti Brunori Sas, Diodato, Elisa, Elodie, Fast Animals and Slow Kids, Gaia, Gianni Morandi, Noemi, Paolo Benvegnù, Rancore e The Zen Circus.

La risposta di Lepore.

Secondo LRDL, l’obiettivo per gli artisti deve essere quello di unire e provare a rispondere insieme a gran voce, mandare un segnale di pace. Lo stesso Aimone, cantante dei FASK presenti all’evento, ha sottolineato come la musica possa smuovere coscienze e come si voglia ridare dignità alla parola “pace“, data troppo per scontata. Anche Noemi è intervenuta sottolineando come la musica debba farsi carico di certi messaggi e il pacifismo è sicuramente uno di questi.

“Tacere significa accettare l’abominio, parlare, cantare e suonare esternano e allontanano il male”.

L’aiuto ai bambini in Ucraina

Come ha ribadito più volte il sindaco Lepore bisogna certamente essere entusiasti della musica e degli artisti sul palco, ma non va dimenticato il fine: sostenere l’Ucraina e in particolare i bambini. “Tocca a Noi” è infatti organizzata in favore dell’organizzazione “Save the Children“, impegnata sul campo dal 2014, che continua tramite partner locali ad aiutare famiglie nel cercare di provvedere ai bisogni.

Altri attori in campo

Gli sponsor si sono caricati di tutte le spese del caso per poter permettere la totale devoluzione della somma raccolta durante l’evento alla causa. Per nominarli: Lamborghini, BPER Banca, Coop Alleanza 3.0, Ducati e Lavoropiù. Presente anche la Rai nella figura di Felice Cappa che ha ribadito la vicinanza della rete nazionale a questo tipo di iniziative. Sarà infatti possibile rivivere il concerto giovedì 7 aprile sui canali Rai 3 e Rai Radio2.

Per donare

Anche se non sarete in piazza perché non siete di Bologna o non siete riusciti ad accedere al concerto, l’importante è lo scopo di questa iniziativa. Il concerto è solo un mezzo attraverso cui si veicola un messaggio: la richiesta di pace. Ricordiamo che è possibile donare 2€ mandando un messaggio al 45533 o devolvere 5 o 10€ chiamando allo stesso numero tramite l’uso del telefono fisso.

a cura di
Luca Montanari

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHEFrancesco Pintus ci racconta “Tasche vuote”
LEGGI ANCHEL’intervista di Zerella, tra amore e spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.