Malakay, fuori oggi il nuovo singolo

Il brano s’intitola “Monster cries solo in the heaven” ed è il secondo brano e title-track dell’album d’esordio dell’artista Malakay, in uscita per peermusic ITALY

Significato e temi affrontati nella canzone

Title-track dell’album d’esordio e secondo capitolo di una narrazione più ampia iniziata con Millennium ghetto e destinata a proseguire fino all’uscita del disco, Monster cries solo in the heaven è un viaggio dentro se stessi alla ricerca di nuove verità, anche dolorose.

Dalla nostalgia generazionale di Millennium ghetto Malakay con il secondo singolo si sposta su un piano più intimo e malinconico attraversato da sonorità lo-fi. Il brano, scritto durante il lockdown, è nato di getto partendo “dal sample finale di Millennium ghetto senza drumline o altri suoni in modo da risultare un unico flusso”. Il risultato è un brano introspettivo, con strofe di solo voce, una riflessione sull’alienazione, sul mostro interiore che abita in ognuno di noi ma che possiamo ritrovare anche in chi ci è vicino.

Se il primo brano si apriva con il discorso di Bill Clinton sul terrore del “millennium bug”, in Monster cries solo in the heaven Malakay affida il finale allo speech di Boris Johnson, primo ministro inglese, che durante la fase acuta della pandemia nel 2020 si rivolse agli inglesi con l’inquietante frase sul prepararsi a vedere i propri cari morire.

Così come per Millennium ghetto anche l’uscita di MCSITH è accompagnata da un video monologo pubblicato sul profilo Instagram di Malakay, scritto con il regista Claudio Spanu e l’autore Luca Darden, che nel primo episodio rifletteva sulla potenza creativa del fallimento.

Malakay in foto
Biografia

Malakay, vero nome Andrea Camboni, è un rapper e produttore sardo. Dopo aver rilasciato numerosi brani autoprodotti, nel 2018 si trasferisce a Milano per lavorare meglio alla sua musica. Nel 2019 pubblica VDAYS, un EP di 5 brani distribuito da Universal.

Testo Monster cries solo in the heaven

È da anni che cammino rincorrendo il mio destino, u know 

Fino a perdere il respiro fino al giorno che mi uccido o che stiro, u know  

Sono ancora quel bambino incollato al finestrino, u know 

non so più se sono vivo non mi senti anche se grido, u know 

Guardo il tramonto dal lido la mia idea del paradiso, u know 

punto il sole quando guido come un falco con il nido, l’anello con Smeagol 

Il cuore è sangue più velluto ricoperto dello sputo  

quando ti chiedevo aiuto mi hai proprio fottuto bro come hai potuto

Dimmi come fai, non so come fai 

So che te ne andrai ma non come mai 

Non so come stai, ora dove sei? 

Non so piu chi sei 

Baby, baby, baby monster cries solo in the heaven 

Baby, baby, baby monster cries solo in the heaven 

Calamari e pesce crudo sulla barca di qualcuno, u know 

Come fossimo a digiuno sotto questo plenilunio, u know 

Come una farfalla non ritorna bruco un ragno non sarai mai lupo, u know 

Smettila di fare il duro si capisce che è uno scudo, u know 

mi guardo allo specchio nudo ma vedo uno sconosciuto, u know 

ingoio ansie con l’imbuto guardami mente mi nutro come un detenuto  

O sei un pazzo o sei un illuso, u know  

in ogni hai caso con me hai chiuso, u know 

O sei un pazzo o sei un illuso, u know  

La risposta è il caso è chiuso, u know 

Dimmi come fai, non so come fai 

So che te ne andrai ma non come mai 

Non so come stai, ora dove sei? 

Non so piu chi sei 

Baby, baby, baby monster cries solo in the heaven 

Baby, baby, baby monster cries solo in the heaven 

Crediti brano

Songwriter: Malakay, Diem 

Producer: Malakay 

Assistant Producer: Rani 

Additional Producer: Andrea Piraz 

Mixing Engineer: Andrea Mogni 

Mastering Engineer: Andrea Mogni 

Artwork: Riccardo Cagnotto  

Monster cries solo in the heaven su Spotify
Malakay su Instagram

http://instagram.com/andrewmalakay

a cura di
Redazione

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “Mostri” è il nuovo inizio di Letizya
LEGGI ANCHE – Leanò ci racconta “Tremo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.