ULULA & LaForesta – da Milano alla Bosnia

Gli ULULA & LaForesta sono l’esempio esatto di quando la musica salva le persone, con il loro ultimo singolo “Poveri noi” sono riusciti ad unire una spiccata emotività ad una retorica eccellente.

Gli ULULA & LaForesta nascono a Milano nel 2016 quando Lorenzo Garofalo in arte ULULA incontra tra i banchi del CPM Music Institute quelli che diventeranno i componenti de La Foresta: Andrea Mandelli, Filippo Maria Chiarini, Maximilian Agostini e Simone Carradori.

Il progetto è quello di accompagnare la voce e i testi del cantautore sperimentando tra il rock e il folk alla ricerca di un sound insolito e contaminato da diversi generi e sonorità. 

Da subito il progetto funziona ed è protagonista in diversi contesti musicali tra cui il MonigArt Festival (BS), un evento FAI al Tempio del Lazzaretto di Verona (in apertura ad Andrea Valeri) e a Mantova per Radio Pico.

Gli ULULA & LaForesta nel dicembre 2016 accompagnano Franco Mussida all’Auditorium Massimo di Roma dove, oltre a suonare brani celebri del chitarrista, presentano alcuni inediti del proprio repertorio, con successivi concerti tra cui: Circolo Ohibò di Milanoil Festival River e Sofar Sounds a Verona. Il primo tour arriva con Estate povera nel 2017 che tocca 15 città italiane tra cui Bologna, Firenze, Verona, Bergamo e Rimini. Nel periodo invernale dello stesso anno parte il tour BLACKINVERNO con ultima tappa a Torino.

A gennaio 2018 si concludono le registrazioni del primo EP prodotto da Max Elli. Nel maggio del 2018 esce Lacerba il primo singolo di ULULA & La Foresta.  Successivamente esce Oddio l’oblio ed è il brano pubblicato da ULULA & La Foresta che ha vinto nelle audizioni live il premio Musicultura come miglior performance aggiudicandosi un posto nella compilation Musicultura 2020.

Poveri noi

ULULA & LaForesta toranano con il loro nuovo singolo “Poveri Noi” disponibile su tutte le piattaforme digitali dal 5 Novembre.

La canzone Poveri Noi tratta in maniera ironica e con falsa commiserazione la condizione di privilegio di cui godiamo noi giovani occidentali, strappandoci la benda dalla faccia e aiutandoci a riflettere sulle sofferenze che sopportano gli invisibili, nella speranza di ottenere cioè che noi possediamo per diritto di nascita.Da qui l’idea dell’incontro, da parte di ULULA & LaForesta, con le persone in movimento lungo rotta balcanica e con una terra, la Bosnia Erzegovina, che sembra essere la linea oltre il quale le nostre certezze vengono a mancare.

Da tre anni migliaia di persone in movimento si raccolgono sui confini nord-occidentali della Bosnia, nel tentativo ostinato di raggiungere l’Europa. Qui, si incontrano anche giovani bosniaci, che costruiscono il futuro del proprio Paese, con lo spirito di chi osserva le cose del mondo con occhi non velati dall’odio. 

La canzone vuole dare loro una voce e ricordarci che la fortuna e la ricchezza, talvolta, sono solo l’altra faccia della povertà.

Spotify
Poveri noi é una canzone con un messaggio profondo riguardo situazioni attuali, pensate di essere riusciti ad esprimervi nel modo giusto, ed a trasmettere ció che volevate?

Sarebbe bello saperlo da chi ascolta. Noi siamo molto felici del risultato musicale e anche dell’evoluzione nel progetto a sostegno delle onlus che operano nei Balcani. Il modo più giusto non sappiamo quale sia, ma per ora ci sta bene così.  Sono argomenti difficili ed è molto facile cascare in errori e fraintendimenti, però non provarci é peggio. Poi qualcuno sarà sempre contro.

Cosa ne pensate degli artisti o personaggi di spicco che non prendono posizione, avendo gli strumenti per influenzare l’opinione pubblica?

Noi non prendiamo nessuna posizione, l’unica cosa che ci muove è avere sempre un pensiero e un’azione per chi vive con grandi sofferenze, senza schieramenti politici o ideologici. Siamo mossi da un pensiero molto più semplice che è l’amore. Non siamo nella posizione di giudicare e parlare di chi fa o chi non fa, rimaniamo sulla nostra strada e cerchiamo di rispettare tutto e tutti. 

Visto il contenuto della canzone “Poveri noi” oltre al vostro percorso artistico, siete impegnati in progetti di beneficenza o date il vostro supporto alla risoluzione di particolari dinamiche soltanto attraverso la musica?

La Musica è il nostro lavoro, la nostra vita, e tutto è filtrato da essa. Siamo molto legati all’attività del volontariato da sempre, e per proseguire con entrambe le cose ci è sembrato naturale unirle. Quando possiamo, regolarmente, dedichiamo tempo, energie e risorse a chi è meno fortunato. In condizioni più difficili ci sono invece gli addetti ai lavori, persone che hanno la competenza per operare in situazioni più complicate.

Come avete affrontato il periodo COVID dove i LIVE erano solo un ricordo?

È stato il periodo perfetto per sistemare e registrare il lavoro che abbiamo pubblicato e quello che pubblichiamo per intero, ovvero il disco, a gennaio. Ci siamo chiusi a – La Tana del Lupo – , lo studio aperto da: Maximilian (tastierista), Andrea (bassista) e Giacomo (Foncio) de LaForesta. Ci siamo preparati in modo peculiare abbiamo sistemato e una lista di cose da fare, è stato in realtà un periodo molto profondo e produttivo.

Potete dirci qualcosa riguardo ai vostri futuri progetti?

Ci stiamo preparando alla pubblicazione del disco per intero che arriverà con l’inizio dell’anno venturo e stiamo allestendo lo show, che ormai è pronto. Il 19 novembre verrà presentato a Verona per una rassegna: “L’altra musica in fucina” al Teatro Fucina Culturale Macchiavelli. Sarà un’occasione per raccontare la nostra esperienza in Bosnia, il progetto a lungo termine che stiamo attivando a Bihac, un laboratorio artistico. L’intento è quello di far incontrare ragazzi e ragazze dall’Italia con i giovani bosniaci e le persone in transito sulla rotta balcanica, tramite: workshop musicali, installazioni di mostre, danza, teatro, pittura e arte in ogni sua forma. Tutto ciò nel centro giovanile di Bihac, la struttura che stiamo sostenendo con una raccolta fondi legata appunto all’uscita del nostro ultimo singolo “Poveri noi”.

Segui ULULA & LaForesta su:
Instagram
Spotify

A cura di
Jacopo Somma

Seguici anche su instagram!
LEGGI ANCHE – “Stasera mi butto” è il nuovo singolo di Schianta
LEGGI ANCHE – Mots – fuori il nuovo singolo “Paradise”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.