“Raskol’nikov”, il nuovo singolo di Sara Sciarra

La cantautrice magentina Sara Sciarra torna con il nuovo singolo “Raskol’nikov”, ispirato al celebre romanzo “Delitto e castigo” di Dostoevskij. Il brano è disponibile in streaming e download su tutte le piattaforme digitali dal 12 novembre.

Protagonista del brano, così come del romanzo, è proprio lui Raskolnikov: un’analisi dettagliata della sua interiorità, dei suoi attacchi psicotici, attacchi di panico e quindi della mente di un peccatore, motivo ricorrente delle canzoni dell’artista. 

La trama del testo, di pari passo con il libro, è incentrata sui tormenti morali e psicologici dopo l’omicidio di una vecchia usuraia: in lui risiede la concezione del “superuomo”, colui che ha libero arbitrio (della vita, nel caso del delitto) ed è superiore agli altri, ma la sua mente e il suo pensiero subiscono una continua scissione tra istinto e ragione, tra giusto e sbagliato (d’altronde raskolet in russo significa proprio “scissione”). 

“Ho sempre avuto una passione per i personaggi cosiddetti negativi, antieroi. Con la canzone voglio dare un’analisi proprio di questo”

Ascolta il nuovo singolo “Raskol’nikov” su Spotify.

Cosa succede quando si commette un errore, quando si compie un peccato, e dove si trova la linea tra bene e sbagliato, fin dove arriva il nostro libero arbitrio? Proprio per questo dubbio forse molti si rivolgono a qualcosa di superiore, come un Dio, forse per una via più sicura, o più delineata, così da togliersi ogni cruccio e affidarsi a qualcun altro che spiani la strada per loro, come fa Raskolnikov nel libro, che si avvicina alla cristianità per cercare una via per redimersi.

Chi è Sara Sciarra?

Sara Sciarra è una cantautrice classe 1993 di Magenta (MI). Conosce il mondo della musica già da bambina: la famiglia da parte di madre è sempre stata piena di musica, cantanti, chitarristi, musicisti in generale e la musica era parte integrante delle domeniche. Durante le scuole medie comincia a studiare ed approfondire la chitarra e negli anni del liceo comincia a cantare ed entra nella prima band, i Noise of Silence, con cui fa le prime esperienze live nell’hinterland milanese

Dopo una pausa dalla musica nel periodo universitario, si trasferisce a Cardiff dopo la laurea e, dopo alcune esperienze nelle serate open mic della città, decide di dar vita al proprio progetto da cantautrice solista sperimentando cover e mashup voce-chitarra

Mi concentro anche sul fatto che un peccato non ti rende un personaggio cattivo, un antagonista. Egli, per esempio, è sempre stato un uomo con un forte animo buono. Non è mai stato completamente un uomo negativo, dentro di lui convivono contemporaneamente due facce della stessa medaglia.”

Nel 2018 rientra in Italia e vince il primo premio nella categoria solisti al Cislianerfest, registrando come premio il suo primo inedito “Anxiety Is My Best Friend” ai Massive Arts di Milano: il brano è una sorta di autobiografia ironica sul suo perenne stato d’ansia e di preoccupazione per la vita e sull’indecisione perenne su ciò che l’artista vorrebbe essere.

Nel 2019 presenta  “Anxiety Is My Best Friend” al “Musik Factory Contest”, aggiudicandosi anche in questa occasione il primo premio. Da questo momento capisce di voler dare continuità al progetto lavorando al primo EP, “Sound Teller”, che coniuga musica e letteratura, le sue due passioni principali.

Segui Sara Sciarra

Instagram
Youtube

a cura di
Redazione

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “Rebirth” il brano che ha portato i Medivh nel Regno Unito
LEGGI ANCHE – Intervista a ComeCarbone: in bilico fra il rock e la canzone d’autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.