“Preghiera” è il nuovo singolo di Alice Sacchi

La cantautrice modenese Alice Sacchi torna col singolo “Preghiera”, in uscita su tutte le piattaforme digitali il 26 novembre.

Il brano parla, senza malizia o provocazione, di sessualità ed erotismo, riconoscendo al corpo un carattere spirituale e sacro che si esprime attraverso lo stesso piacere: un sentimento di “beatitudine” che due amanti sperimentano nell’incontro. L’unione dei loro corpi diventa così essa stessa la “Preghiera”, non una richiesta o un atto di devozione, ma un modo concreto per esprimere la propria gratitudine.

La chitarra in accordatura aperta è lo strumento che sostiene il brano. Su di essa Alice ha sperimentato sulla sua voce e su inserti di piano con campionature ed effetti, alla ricerca di un effetto corale che rimandasse alla musica sacra e ad un senso di sospensione e pathos. La voce di Alice nel ritornello si sdoppia e sotto al cantato si percepiscono le stesse parole che, sussurrate, si ripetono come un un mantra.

Questo singolo arriva dopo l’esordio con l’autoironica “Il caffè” ed è parte di una serie di brani a cui Alice sta lavorando con gli arrangiamenti di Ludovico Banali e la produzione di Simone Laurino. All’arrangiamento di “Preghiera” ha contribuito anche il cantautore Cesare Augusto Giorgini. Questi brani confluiranno nel suo EP d’esordio in uscita a inizio 2022.

Chi è Alice Sacchi?

Alice Sacchi è una cantautrice modenese, laureata in musicoterapia e in canto jazz, due percorsi che hanno dato alla sua voce estensione e delicatezza, per colpire e curare, strappare e ricucire. Nelle proprie canzoni affronta diverse tematiche tutte riconducibili a un percorso di scoperta interiore. Un viaggio che passa attraverso il conflitto tra il concetto di amore e quello di morte, una ricerca che parte dal corpo e riporta al corpo, fra sacralità e sessualità.

Le composizioni indagano così la necessità di scavare nella propria interiorità, con ferocia e tenerezza, per ricondurci al centro, spogliarci e ritrovarci. Concetti universali e senza tempo letti con una particolare attenzione alle dinamiche della contemporaneità, uno sguardo al passato ma con i piedi ben piantati nel presente. In modo simile l’impasto sonoro parte da una base cantautorale acustica al quale aggiunge una trama elettrica ed elettronica avvicinandosi ad una sonorità moderna.

Segui Alice Sacchi su

Spotify
Instagram
Facebook

a cura di
Redazione

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Puntine disturbanti e prospettive falsate. L’intervista a IO
LEGGI ANCHE – Breath Me In – “Animali Feriti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.