Ricky Ferranti intervista su questa vita che non è “Mica così male”

Il 23 luglio è uscito “Mica così male”, il nuovo ironico singolo di Ricky Ferranti. In questo brano il cantautore descrive la situazione che stiamo vivendo. Un mondo dove tutti si lamentano della crisi, ma alla fine non rinunciano alla vacanza alle Maldive. I musicisti lamentano il cachet troppo basso, ma farebbero carte false per suonare alla sagra dell’uva in cambio di un panino.

Ciao Ricky, ben trovato su Postaindiependete. E’ uscito da poco “Mica così male”, cosa ti ha portato a scrivere questo pezzo?

Ciao, grazie a voi. È un brano che ho scritto circa due anni fa. Mi era nata l’idea del ritornello ed avevo ben in mente il senso della canzone, quindi anche le strofe poi sono state scritte abbastanza di getto. L’idea si è comunque consolidata nel tempo osservando il mondo e la gente attorno a me. Ci lamentiamo tanto, ma facciamo poco per cambiare veramente.

In questo brano si affronta il tema della crisi, delle lamentele delle persone che alla fine dei conti non stanno poi così male. Tu cosa ne pensi dell’attuale situazione? Potrebbe andare peggio?

Penso che siamo in una situazione che ci permette ancora di lamentarci e quindi non ci rendiamo realmente conto di come potrebbe andare. I veri cambiamenti avvengono purtroppo quando sei contro un muro, quando hai fame sul serio, quando la disperazione ti ha colpito ma non ti ha abbattuto. Non andrà peggio se sapremo imparare dagli errori e riusciremo a prevenire con mente aperta.

Sei in procinto di pubblicare un album? I brani che lo contengono usciranno tutti in anticipo o lascerai qualche inedito?

Questo singolo ed i precedenti saranno presenti in un album e penso che sicuramente rimarranno degli inediti.
L’idea di uscire con dei singoli in anticipo fa un po’ parte della nuova logica che deriva dallo streaming.

Qual è il brano a cui sei più legato fin ora? (tra quelli che hai scritto tu)

Questa è una domanda difficile. C’è un brano “my eyes on you “ che scrissi quando nacque mio figlio a cui sono, per ovvie ragioni, molto legato. C’è anche “Al Mondo” che mi ricorda mio padre per motivi non legati direttamente al testo.

Quali sono le tue aspirazioni?

Continuare a scrivere e produrre musica e mi piacerebbe molto anche fare musiche per film,colonne sonore. Mi Piace molto quel mondo.

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Amore come viaggio enogastronomico in “Laissez-faire”, il nuovo singolo di Sarai
LEGGI ANCHE – “Pazzo di te”, il nuovo latin pop di Dany De Santis ed Emanuele Laimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.